Memorial Brambilla



Per tener vivo il ricordo dei nostri Soci e grandi piloti di F1 Vittorio ed Ernesto "Tino" Brambilla, il Ferrari Club Vedano al Lambro ha istituito, con il patrocinio della Beta Utensili, il premio "Memorial Brambilla". Il riconoscimento viene assegnato ogni anno alla personalità dello sport motoristico che, a giudizio del nostro sodalizio, si sia distinto nel variegato mondo delle competizioni motoristiche.

  • Il vincitore del I^ Memorial Vittorio Brambilla, edizione 2001, è Oreste Giovannini, meccanico della Scuderia Ferrari, uomo schivo ma fondamentale per tante vittorie, che dopo una vita spesa con la squadra corse sui campi di gara ha lasciato il servizio attivo, ha ricevuto il premio dalla madrina della manifestazione, la Signora Daria moglie del pilota.
  • Il II^ Memorial Vittorio Brambilla, edizione 2002 , in occasione della manifestazione VI Expo Racing Cars, è stato consegnato dalla Sig.ra Daria a Giorgio Piola, giornalista e commentatore televisivo ma soprattutto disegnatore di fama mondiale apprezzato da tutti gli appassionati sportivi per la sua competenza, esperienza, chiarezza e precisione. Questo nostro riconoscimento ha voluto sottolineare il suo costante impegno e la sua dedizione nel raggiungere l’invidiabile traguardo delle 500 presenze ai Gran Premi di F1.
  • Il III^ Memorial Vittorio Brambilla, edizione 2003, è stato assegnato al Costruttore di Formula 1 Giancarlo Minardi, per aver scoperto e valorizzato numerosi piloti italiani e tanti giovani talenti. Il premio è stato consegnato durante la trasmissione televisiva Griglia di Partenza andata in onda giovedì 11 settembre su Telenova in occasione del 74° Gran Premio d’Italia di Monza.
  • Il IV^ Memorial Vittorio Brambilla, edizione 2004, è stato conferito a Nestore Morosini, con la motivazione:
    Al giornalista sportivo, prestigiosa firma del Corriere della Sera, che da oltre 30 anni ci racconta con i suoi articoli i più importanti avvenimenti dello sport e in particolare della Formula 1, con stima e grande ammirazione.
    La premiazione è avvenuta negli Studi di Telenova durante la trasmissione Griglia di Partenza del 9 settembre.
  • Il V^ Memorial Vittorio Brambilla, edizione 2005, è stato attribuito a Romolo Tavoni con la seguente motivazione:
    Da Direttore Sportivo della Scuderia Ferrari a Direttore di Gara dell'Autodromo di Monza; una vita a favore dello sport dei motori senza mai sottostare a compromessi.
    La cerimonia si è tenuta giovedì 8 settembre nel corso della trasmissione Griglia di Partenza su Telenova.
  • Il VI^ Memorial Vittorio Brambilla, edizione 2006, è stato assegnato a Pino Allievi con la seguente motivazione:
    Al giornalista sportivo prima firma e responsabile Redazione Motori della Gazzetta dello Sport che da 30 anni è attento testimone dei più importanti avvenimenti della Formula 1, con stima e grande ammirazione.
    Il Premio è stato consegnato durante la trasmissione Griglia di Partenza di Telenova del 14 settembre.
  • Nel corso della manifestazione VII° Expo Racing Cars (settembre 2007), al cospetto della Sig.ra Daria, moglie del pilota, si è svolta la cerimonia di consegna del premio VII° Memorial Vittorio Brambilla che è stato conferito al fotoreporter Ercole Colombo, con la seguente motivazione:
    Di lui non si sa se sia nata prima la passione per la fotografia o per le corse, di certo dal 1970 ad oggi, dopo aver vissuto oltre 560 Gran Premi di Formula 1, ci ha lasciato la testimonianza delle sue inimitabili immagini che raccontano il mondo della F1. Stima e grande ammirazione.
  • Durante la trasmissione Griglia di Partenza, svoltasi all'Arengario di Monza il giorno 11 settembre 2008, è stato conferito l'VIII^ Memorial Vittorio Brambilla a Gianfranco Palazzoli, con la seguente motivazione:
    Pilota, manager, direttore sportivo, ora opinionista televisivo, in ogni ruolo che ha ricoperto nel mondo dei motori si è sempre distinto per capacità, umanità, competenza, obiettività e chiarezza, mai disgiunte da una profonda amorevole passione per l'automobilismo. Stima e grande ammirazione.
  • Durante la trasmissione Griglia di Partenza, svoltasi a Monza il giorno 10 settembre 2009, è stato assegnato il IX^ Memorial Vittorio Brambilla a Franco Scandinaro con la seguente motivazione:
    Da innumerevoli anni è nell'ambiente dei motori ed in particolare in F1, con la sua telecamera ci regala immagini suggestive e indimenticabili che soltanto un "artista" come lui può realizzare. Stima e grande ammirazione.
  • A Monza, durante la trasmissione Griglia di Partenza del 9 settembre 2010, è stato assegnato il X^ Memorial Vittorio Brambilla a Giorgio Terruzzi, con la seguente motivazione:
    Vicedirettore di Sport Mediaset responsabile della rubrica Motori, "storico" inviato speciale al seguito della F1, uomo di sport, ha scelto il mondo delle corse per trasmetterci tramite i suoi servizi, sempre taglienti ed ironici ma altresì pregni di umanità e passione, intense emozioni. Stima e grande ammirazione.
  • Il 2011 ha visto come vincitore del XI^ Memorial Vittorio Brambilla il grande ex pilota di F1, Arturo Merzario. Il premio gli è stato consegnato durante la trasmissione Griglia di Partenza dal figlio dell'indimenticabile Vittorio, con la seguente motivazione:
    Pilota di grandi capacità, cavaliere del rischio, uomo di temperamento ed ora opinionista televisivo; nel corso degli anni non ha mai desistito dal difendere l'automobilismo battagliando contro tutto e tutti pur di affermare le proprie convinzioni e non cedere ai compromessi. Stima e grande ammirazione.
  • Largo della Repubblica di Vedano Al Lambro è stato la prestigiosa cornice della cerimonia di consegna del XII^ Memorial Vittorio Brambilla, edizione 2012. Alla presenza del figlio Carlo, nel corso della manifestazione VIII^ Expo Racing Cars, Ezio Zermiani ha ricevuto il premio con la seguente motivazione:
    Inviato speciale al seguito della F1, per molti anni ha rappresentato la voce e il volto inconfondibili della RAI per i Gran Premi. L'umanità, la competenza, la saggezza e la professionalità sono ancora oggi riconosciute e rimpiante da tutti gli appassionati di automobilismo, per i quali sarà sempre IL giornalista televisivo. Stima e grande ammirazione.
  • Il conferimento del premio XIII^ Memorial Vittorio Brambilla, giunto all'edizione 2013, si è svolto presso la Sala della Cultura di Vedano al Lambro, dove al cospetto di una numerosa ed appassionata platea, il presentatore della serata Luigi Vignando, con la presenza dei familiari di Vittorio, il figlio Carlo e il fratello Tino (indimenticato pilota di grande valore), ha consegnato il riconoscimento all'ex pilota di F1 Bruno Giacomelli con la seguente motivazione:
    Pilota di grande talento, cuore da corsa, uomo schietto e leale, è ricordato nel mondo dei motori per la sua generosità nell’affrontare le competizioni, per la tenacia impiegata per ottenere sempre il massimo dal mezzo che pilotava, senza mai risparmiarsi. Stima e grande ammirazione.
  • Il XIV^ Memorial Vittorio Brambilla, edizione 2014, è stato assegnato a Andrea de Adamich, con la seguente motivazione:
    Pilota di grande abilità, uomo Alfa Romeo per eccellenza, è ricordato per la sua guida pulita ed essenziale, i più giovani ne apprezzano le spiccate doti di giornalista e commentatore in TV dei passati mondiali di F1, ora nella sua nuova veste d'istruttore, rende fruibile all'automobilista comune e al pilota più esperto la sua enorme maestria ed esperienza agonistica nella guida, mediante i corsi di guida sicura e sportiva organizzati e gestiti da lui in prima persona. Stima e grande ammirazione.
  • Durante la presentazione del libro di Tino Brambilla Mi è Sempre Piaciuto Vincere, scritto da Walter Consonni, è stato conferito il XV^ Memorial Vittorio Brambilla a Ernesto Brambilla, con la seguente motivazione:
    Uomo schietto, pilota talentuoso e velocissimo, con capacità tecniche fuori dal comune, monzese purosangue e Socio vitalizio della nostra Associazione, è legato al Ferrari Club sin dalla sua nascita avendo vissuto i primi anni di vita del sodalizio con la partecipazione attiva e la frequenza assidua della Sede. Ricordiamo con piacere le tante serate trascorse insieme in allegria a dibattere, anche con il Vittorio, di corse e di gare “tiratissime”. Quante discussioni interminabili, quante chiacchiere, quanti discorsi che iniziavano in italiano, ma immancabilmente si concludevano in dialetto monzese. Noi della Scuderia Ferrari Club Vedano al Lambro siamo convinti, o meglio ci piace pensare, che la spinta al Vittorio ad impegnarsi in via definitiva nelle corse “importanti”, sia partita all’interno del nostro Club, tra un discorso e l’altro che coinvolgeva il Tino, noi e tutto il mondo delle competizioni di allora. Stima e grande ammirazione.
  • Il XVI^ Memorial Vittorio Brambilla, edizione 2016 è stato assegnato a Mauro Coppini, con la seguente motivazione:
    Giornalista e Direttore, uomo di sport, opinionista televisivo, è apprezzato sia dal grande pubblico che dagli appassionati sportivi per la sua grande capacità di rendere comprensibili e fruibili a noi tutti gli aspetti tecnici e regolamentari dello sport motoristico. Passione, competenza, chiarezza, comunicatività e professionalità sono le doti che lo contraddistinguono nel panorama dei giornalisti sportivi. Stima e grande ammirazione.
  • Il XVII^ Memorial Vittorio Brambilla, edizione 2017, è stato assegnato a Riccardo Patrese, con la seguente motivazione: Nella lunga militanza nel mondo delle corse, si è affermato per essere un pilota veloce, tenace, affidabile e con la giusta dose di aggressività. Il carattere forte, risoluto e determinato, gli ha sempre permesso di affrontare e superare gli ostacoli che ha incontrato in carriera, come in quel tragico GP di Monza del ’78, dove fu accusato, senza nessuna colpa, di aver causato l’incidente di Ronnie Peterson che coinvolse anche Vittorio Brambilla. Soltanto anni dopo fu ristabilita la verità che lo scagionò completamente. Oggi, molto rispettosamente, vogliamo celebrare la sua splendida carriera, che annovera 256 GP in F1 con 6 vittorie e il 2° posto nel mondiale piloti del 1992, nel ricordo del “nostro” Vittorio suo compagno di tanti Gran Premi. Stima e grande ammirazione.
  • Il XVIII^ Memorial Vittorio Brambilla, edizione 2018, è stato assegnato a Leo Turrini, con la seguente motivazione:
    Giornalista, scrittore, opinionista televisivo e uomo di sport, ha scelto il mondo dei motori per comunicarci intense emozioni attraverso i suoi servizi pregni di umanità, sensibilità e competenza. I suoi racconti, caratterizzati da una spiccata vena ironica e dalla simpatia che da sempre lo contraddistingue, ci narrano i risvolti umani dei protagonisti delle corse. Gli appassionati di motorsport li apprezzano perché riconoscono in loro autentici sentimenti di attaccamento e amore per la Formula 1. Stima e grande ammirazione.
  • Il XIX^ Memorial Vittorio Brambilla, edizione 2019, è stato assegnato a Giampaolo Dallara, con la seguente motivazione:
    Progettista e costruttore, rappresenta un’eccellenza del nostro Paese nel mondo del motorsport. Conosciuto universalmente per i successi riportati nel passato per le collaborazioni con le più prestigiose case automobilistiche, oggi con le sue “creature” è presente in qualsivoglia categoria sportiva. Ogni domenica negli autodromi di tutto il mondo c’è un telaio Dallara che corre e che vince. Indiscusso talento, ha messo il suo ingegno e le sue enormi competenze al servizio della propria azienda che rappresenta un vanto ed un orgoglio nazionale. Oggi viene premiato il tecnico, ma soprattutto l’uomo che con umiltà e passione ha costruito nel proprio territorio, dove è nato e continua a vivere, un polo tecnologico all’avanguardia e di altissimo valore. Giampaolo Dallara, un genio con la capacità di rendere facili anche le sfide più impegnative, un uomo che ha fatto della semplicità del vivere quotidiano l’arma vincente del grande successo ottenuto.
  • Il XX^ Memorial Brambilla, edizione 2020, è stato assegnato a Peo Consonni, con la seguente motivazione:
    Peo è legato in maniera indissolubile ai fratelli Brambilla, ha lavorato nella loro officina meccanica, si è formato professionalmente e da meccanico è diventato pilota, è cresciuto sotto lo sguardo severo dei due fratelli ma ne ha tratto vantaggi che solo una scuola di vita vissuta con loro gli ha potuto fornire. Uomo sincero e appassionato, pilota di valore, ha messo il suo massimo impegno in ogni attività che ha svolto ed ora da docente trasmette con passione ai suoi studenti l'esperienza autorevole accumulata. Il rispetto e l'amicizia che per tutta la vita lo hanno legato a Tino e Vittorio sono valori che Peo ricorda e riconosce con infinito affetto. In quest'anno in cui ricorre il ventesimo anniversario dalla scomparsa di Vittorio e che ha segnato la dipartita di Tino è doveroso celebrare Peo con questo nostro riconoscimento.